Storia  ( dalle memorie dell' Istituto M. Ausiliatrice - La Spezia )

 

Associazione Exallieve

 

Seguendo le orme di Don Bosco, percorse da Don Filippo Rinaldi, fin dal 1934 si costituì in loco la sezione Exallieve in una riunione presieduta dal Rev.do Don Calvi, salesiano, il quale espose alle intervenute lo scopo e il Regolamento dell’Associazione.

Si formò il Consiglio nominando Presidente la Signora Amelia Candida Nasti; Segretaria la Signora Enia Clerico; Cassiera la Signora Concetta Taverna Davoli.

Da allora fino alle adunanze post-belliche, non si registrano grandi adunanze, ma una sincera affezione all’Istituto e la partecipazione personale ad ogni funzione o manifestazione salesiana.

Il 31 gennaio 1947 invece, ci fu un Convegno incoraggiante, se si pensa al momento politico in cui si viveva, di 90 figliole che aderirono all’invito cordialmente.

Parteciparono con fervore alla S. Messa e lietamente alla colazione preparata per loro con tanto amore dalla direttrice e dalle suore .Terminata la refezione il Sig.Direttore Don Vacca rivolse loro il benvenute a nome di Don Bosco e della comunità. Svolse sapientemente il tema :”La giovane e la madre educatrice secondo i saggi indirizzi salesiani”. Fu applaudito da tutte e ognuna promise di aderire nuovamente ai raduni che si sarebbero tenuti da allora in poi. Parteciparono spontaneamente alla festa dell’Ausiliatrice e risposero in numero sorprendente, superando anche le difficoltà, il 1° febbraio 1948.

Anche questa volta dopo la S. Messa e l’agape fraterna il Sig. Don Vacca parlò ricordando loro il triplice compito: come individui, come membri di una famiglia e della società.

Lasciò loro tre devozioni:l’Eucarestia, l’ amore alla Madonna, l’attaccamento al Papa. Le consigliò di costituire la Vergine ragioniera dei loro affari, di attaccarsi a Lei nei momenti difficili, come a torre di salvezza, poiché Lei tutto può sul cuore di Dio.

Si stabilì in questo momento l’attività dell’Associazione, fissando la riunione mensile il 24, giorno in cui assistevano insieme alla S. Messa, con facilità di accostarsi alla S. Comunione. Il giorno di Don Bosco e la festa di Maria Ausiliatrice furono sempre date d’incontri generali, fervorosi.

Nel 1955 però, credettero più conveniente riunirsi mensilmente la 1a domenica del mese in cui la S. Messa era celebrata esclusivamente alle 9, terminata la quale, la Direttrice teneva un discorso dando le direttive per trascorrere il mese nella pratica delle virtù,  consone  alle necessità del momento e consigli secondo il bisogno esposto individualmente.

Dal 1970, col cambio dell’Assistente, seguendo le necessità dei forti cambiamenti culturali, è sembrato opportuno organizzare incontri programmati, con trattazione di argomenti attraenti, utili, interessanti, formativi, istruttivi, secondo quanto le circostanze suggerivano.

Si fece una preparazione  ad un concorso per licenziate dall’Istituto Tecnico, un corso prematrimoniale guidato da un gruppo che lavorava già in diocesi: due coniugi, un sacerdote, un dottore. La Prof . Tesconi fece sovente conferenze documentate da centinaia di diapositive sulla Terra Santa e su altri luoghi turistici. La Signora Franca Faggioni tenne conferenze sui viaggi di Missione con visione di molte diapositive. La Signora Tina Venturelli Cecchini diede assistenza materna per le più giovani tutti i giovedì. Gli incontri dell’Unione furono presto resi settimanali e si stabilì il giorno giovedì.

Ogni primo giovedì del mese fu stabilita la S. Messa con conferenza religiosa di un Sacerdote .

Si allargò la cerchia delle Exallieve accogliendo cordialmente anche le non tesserate e pie persone che desideravano far parte del gruppo. Tutti gli anni si fece una o due gite con  mete a Santuari Mariani. Si aderì sempre ai raduni ispettoriali, tenuti a Genova-Quarto. Si fecero tre giorni all’anno  di Esercizi Spirituali. Ci fu sempre qualcuna che aderì agli incontri nazionali proposti a Roma, ad Avigliana , a Sassone. Nell’anno Santo si andò in due gruppi a Roma in due date.

Per necessità di cose, cadde un poco la festa dell’Immacolata, si fece invece più partecipata e con pranzi sociali la festa di Maria Ausiliatrice.

Da cinque anni si fa in febbraio un Concerto “ Arte Varia” che raduna molta gente e soddisfa molte  Exallieve.

Nel  giovedi sono programmate  istruzioni religiose fatte da Ex competenti che hanno fatto corsi catechistici e corsi di teologia..Varie Ex sono state orientate a frequentare i corsi catechistici diocesani e sono brave catechiste nelle Parrocchie. Sono state fatte lotterie per sostenere le spese di aiuto alle Missioni, ai poveri, per offerte generose  ai sacerdoti, che ci danno l’assistenza spirituale; ora anche per pacchi dono alle nostre suore bisognose della Polonia.

Dal 1971 l’unione pubblica un giornaletto “ Voce amica"che segnala le nostre date ed invita  alla partecipazione per le feste. Esorta alla maggior vita cristiana, parrocchiale, apostolica e alla celebrazione di novene e mesi mariani.

Si era lanciata come novità fin dal 1972, per il 24 maggio la benedizione dei bambini, in chiesa prima della S. Messa e suscitò inizialmente entusiasmo. Per qualche anno c’è stato un buon afflusso di famiglie e bambini; se n’è fatto anche un filmino, poi si è smesso per la scarsità dei bimbi, perché in parte partecipavano a questa funzione all’asilo o nelle proprie parrocchie. Le Ex hanno dal 1971 una certa riserva di medaglie, statuine, ciondolini, rosari.. che vengono regalate a quante Exallieve si presentano, specialmente a chi torna dopo anni, con marito e figlioli, anche a ragazze che giovanissime Ex ci portano invitando le loro compagne di scuola per far conoscere quella che esse hanno frequentato prima.

Rosari e statuine fosforescenti si portano anche alle ammalate che andiamo a visitare all’ospedale o nelle loro case. In questo anno sociale si è programmato per il 3° giovedì di ogni mese la recita del S. Rosario in Cappella con le suore, alle 17, con l’intenzione:pro vocazioni religiose.